lunedì 2 marzo 2015

Due Marzo 2015

Quattro anni.

Molta acqua e molte terre sono passate.
Molti volti, lingue e sapori.

Quattro anni di silenzio (pubblico) e di taccuini  (privati) colmi di righe scarne ma dense. 
Colava fatica da quella mina che finiva spesso per descrivere stati interiori di fatiche e di lotte inermi.
Una noia, insomma. Meglio il silenzio.

L'altro giorno in cucina sulla lavagna, col gesso bianco, ho stilato l'elenco di ciò che mi manca.
(Di norma, la lavagna non ha questo scopo. Di norma, sopporta le frasi che trovo nei libri o i punteggi delle partite di qualsiasi gioco o il numero di telefono del pescivendolo, che peraltro non si sa bene come sia possibile che ancora sia rimasto lì. Di norma non è una lavagna nella norma.)
Dunque secondo questo preciso ordine c'è scritto:

Barca a vela
Sapere
Tempo

Qui riprendo il Tempo.
Mando CV per il Sapere.
Per la Barca a vela mi sto attrezzando.

Quattro anni, che emozione.






Nessun commento: