lunedì 24 gennaio 2011

Il sogno

Visionari, onirici, caleidoscopici e leggiadri.
I Momix.


È come svegliarsi di continuo da un sogno.
L'illusione di osservare un acquario dove fluttuano meduse blu per poi scoprire, con rammmarico, che sono braccia. 
O un bocciolo di un fiore. 
O un ragno. Un'ombra di una mano. L'illusione dell'ombra della mano. L'illusione dell'ombra della mano che disegna un ragno.
Una mano o due mani?

Ogni volta che la tenda rossa si chiude, ti desti, capisci che sei seduto in una poltrona rossa di velluto, a teatro. 
La tenda si riapre e tu sprofondi in uno spazio parallelo.
Gli occhi e le orecchie hanno fili invisibili che ti trascinano sul palco, s'impossessano della tua mente e la lasciano inebetita lì ad assorbire emozioni.
La mente osserva.
Dico la mente perché il corpo dello spettatore è lì abbandonato sulla poltrona, come un vestito dismesso dopo una giornata fuori casa.
La mente invece fluttua.
I corpi non sono corpi eppure lo sono.
Riconosci gambe e braccia ma poi si trasformano in altro che subito non riesci a definire e solo dopo qualche secondo di ritardo lo cogli. 
Quei pochi secondi ti sono fatali: nel momento in cui capisci e definisci una forma o un oggetto è troppo tardi.
Definendo l'immagine concreta, che in genere appartiene al mondo naturale , sei stato trascinato nel tunnel del sogno.
Il fondo nero del palco è suggestione fin troppo reale.
E sei entrato nel tunnel, sei mente anestetizzata con luci e ombre, trucchi atavici dell'illusione scenica, qui rivisitati di neon e psichedelia. 
Blu elettrico. Giallo neon. Bianco fibra ottica.
La musica subdola s'incastra, s'insinua fa leva e accoglie ogni singolo gesto o l'illusione di un gesto di un corpo. O forse due.
Davvero l'incastro della musica con la rappresentazione è notevole.
Non sto a lodare la performance perfetta dei ballerini (atleti? attori? circensi?) ma l'incastro delle diverse parti.
Lodo l'incastro della musica elettronica nella psichedelia onirica del gesto atletico.

Beh.
Ieri sono andata  a teatro a vedere i  Momix.
Mi son piaciuti. 
Ma non riesco a descriverli.



Nessun commento: