domenica 24 gennaio 2010

Tè vintage

Chissà.
A volte basta pochissimo.
E’ un periodo che scrivo scrivo scrivo.
Di gusto e di getto.
Ed era tanto tempo che non mi capitava.
Poi mi basta proprio proprio un ding.
E scrivo di niente e di tutto.
Sarà un surplus energetico che mi è arrivato tutto impacchettato e inaspettato.
Sarà che sento la primavera imminente (lo so fa freddo ma io, i boccioli, li vedo già sulla punta delle dita degli alberi, tu no?).
Giacinti e narcisi son pronti far capolino dai miei vasi.

Storyboard inventato, ma non troppo, con un sottofondo di Charleston.
Rivedo le foto in bianco e nero ricevute in dono da un uomo sconosciuto e affascinante.
Rivedo i volti delle donne dell’inizio del secolo.
E parto con un film mentale.
Rivivo la scena.
E penso a lui, a inizio secolo, che fotografa.
Che si alza dal tavolo e chiede un click.
E vedo quella sedia vuota e sento che si è appena alzato dal tavolo.
Mi ha lasciato i suoi dagherrotipi. Ne ho scatole e borsoni pieni.
Mi ha lasciato i suoi mille sé: era attore in teatro.
Mi ha lasciato i suoi burattini.
Mi ha lasciato i suoi testi, scritti di pugno rotondo e deciso.
Sono fogli bellissimi.
Devi fare piano piano per sfogliarli.
Hanno l’odore di paglia impolverata e i bordi sono tutti irregolari.
Scrive in dialetto, per la maggior parte.
Era un’artista a tutto tondo.
Di quelli che mi avrebbero fatto perdere la testa e tutto il corpo con uno scocchio di dita e uno sguardo complice.
Oggi tergiverso tra i miei doveri e scadenze.
E penso che mi sarei seduta volentieri con loro,
a far chiacchiere fitte di cappelli e collane di perle.

7 commenti:

mary ha detto...

un bel post di sogni color seppia
un saluto affettuoso

mary ha detto...

come faccio a diventare una dei "sostenitori"? (uffanonloso, me lo spieghi?)

Se ha detto...

eccomi...certo certo....
vai dove ti dice "Sei già membro?Accedi" se clikki ti si apre una finestra che ti fa scegliere quale account vuoi usare....google, twitter o yahoo...
se scegli twitter, per esempio, sei una sostenitore con il tuo account di twitter...
Prova a farlo anche dal tuo blog...

senò scrivimi...
s.selvaggia chiocciola gmail.com

Bello il tuo articolo sugli animali....
Ripubblicalo sul blog... o mettici un link all'articolo!!

romì ha detto...

se ti ricordi quella mostra che vedemmo sugli alinari?
com'era bella?

pensi che dal materiale che hai si potrebbe tirare fuori un'esposizione?
scusa ma ormai sono diventata donna manager organizzatrice di eventi culturali...poi ti spiego!

Se ha detto...

Sì certo che me la ricordo. Eravamo a Firenze. Stupenda!

Sì certo che si potrebbe... ho in mente delle cose che ti dirò in gran segreto...appena volo lì!

Bisou

PaolaFrancy ha detto...

uff ... anche per me è un periodo in cui scrivo scrivo scrivo.
solo che in contemporanea sto leggendo libri meravigliosi e muoio d' invidia nei confronti di chi sa buttare giù delle frasi meravigliose ...
ciao!paola

p.s. mi piace come scrivi. molto.
p.p.s. anche io vedo boccioli ovunque. sarà che abito nel mio mondo magico. anche tu?
p.p.p.s. uff! quanti p.s.! anche io ho piantato i narcisi! o, meglio, ci ha pensato mio figlio.

ok, ho finito.

Se ha detto...

@Paola grazie. Si, credo che entrambe viviamo in un mondo parallelo.Figo, no? I nostri narcisi sono solo stecchini di foglie per ora.
i giacinti, invece, danno più soddisfazione: hanno la pannocchia verde che spinge impetuosa.
In compenso il basilico non ha resistito al freddo, nonostante le cure.

Scrivimi/ci ancora dell'India.
Scrivi tutto quello che ti ha colpito. Siamo sulla stessa linea di pensiero. Racconta racconta racconta.
Quanto più lasci nelle righe tanto più diventi leggera. E condividere con chi sa ascoltare, rende meno pesante il fardello.
Almeno per me, funziona così.

Chissà com'è bella la tua casa... lontano dal grigio!!


un abbraccio.