sabato 5 settembre 2009

Scalata

Driinnn drinnnnn.
Mi arriva una telefonata.
Una videochiamata. Perchè ormai i nonni sono moderni e si sono adeguati a Skype, Webcam e videofonini...
Sono quasi le 23.00.

Sento  un gran vociare che non distinguo perchè sto per  collassare e abbandonarmi nelle braccia di Morfeo.

Lo Zio mi dice" Guarda tua figlia"...

Ecco cosa...scusa un attimo ma è notte... la bimba deve dormire.... che succede...perchè è ancora sveglia.... cos'è sto casino...

Riconosco un puntino che porta una maglietta conosciuta.
Oddio ma è lei!

Sta scalando una  palestra di roccia.
Gulp.
E ' tutta imbragata.
E sale come una lippa.
Sento le voci dei nonni che la chiamano...
A metà si gira e saluta.
Eh no che fai...
ma che la chiamate... ma i nonni non erano apprensivi e severi?
tieniti...
sarà imbragata bene?? ma chi tiene la corda???

Arriva fino in cima.
E riscende saltellando a piedi pari.

Ecco.
Come se fosse la cosa più naturale al mondo.
Come se lo avesse fatto fino ad un secondo prima.
Ma dove lo hai imparato????
Ma quando?

 Al telefono  mi dice:
"Mamma posso fare un altro giro?"
" ma no sai...  devono farli tutti i bimbi.... si fa una sola volta....."
"no mamma si può fare quanto si vuole...
Ah ok.. allora va bene.... ma sei legata?
mamma, hai paura? non ti preoccupare c'è il filo...
ah meno male.... (filo.....????)
Quando torniamo a Bologna andiamo a fare la palestra di roccia?"

Si, Zoe, quando torniamo.... la cerchiamo....

3 commenti:

Anonimo ha detto...

la bellezza di essere padri si scopre quando si lascia che i figli percorrano le loro strade e si scopre che sanno volare. Io ci saro' zoe per accompagnarti ovunque tu voglia salire.

babbogio

Se ha detto...

...e quando diventi mamma/babbo il tempo scorre più veloce di prima...

Romì ha detto...

sigh! sob!
nooooo
ma che lasciare che i figli percorrano le loro strade!
sempre attaccati a me devono stare!
ma che scherziamo?
Loro sempre piccoli che adorano una mamma sempre ggiovane!
no? che dite?