sabato 17 novembre 2007

Amuleti preziosi

Un fungo del bosco, che non sembrava velenoso, mi ha ospitato sotto il suo ombrello e mi aveva garantito che mi avrebbe protetto dalla pioggia. Ho chiesto ospitalità anche per la mia farfalla azzurra. Certo, ha risposto, io adoro le farfalle.

Ha iniziato a piovere: il fungo del bosco mi ha scacciato perchè occupavo troppo posto.
E soprattutto è allergico alla polverina delle ali di farfalla.
Eppure ero stata chiara.
Eppure ha visto le mie scarpine da fiammiferaia, zuppe d'acqua.
Ma non mi aveva detto che adorava le farfalle?

Il fungo del bosco era velenoso.



Contemporaneamente,
per fuggire dalla regina cattiva e dal suo maggiordomo-sempre-pronto-al doppio-gioco,
ho trovato rifugio tra le fronde di una quercia e ho intrecciato fiori gialli con essenza di cannella e ne ho fatto un amuleto.

Ho passato notti lunghe e senza luna, ma i grandi rami mi hanno protetta. La mattina dell’incontro ero un’acciuga che guizzava sul bagnasciuga sabbioso, ma un pesce ago mi ha indicato il largo.

Mi sono recata a palazzo, dai signori che detengono il potere.
Mi hanno guardata dall’alto.

L’ amuleto ha funzionato.

Ho sorriso sorniona al profumo di canella, con il sole negli occhi e le scarpe zuppe.

Nei prossimi giorni troverò anche un rifugio.
Non cerco funghi, anche se non velenosi.

Sai di capanne abbandonate?






Nel frattempo, sto annodando fili d’erba per fare nuovi amuleti.
La farfalla ha imparato a fare i nodi.
Come hai fatto, le ho chiesto?
Con le mie mani, ha risposto.

2 commenti:

Anonimo ha detto...

Cara la mia principessa bagnaticcia, devo dirti che nella Vita c'è sempre un ritorno.
Tu elargisci quotidianamente secchiate di bene, di affetto, di Amore.
A volte, al mittente, ritornano solo i secchi, carichi d'acqqua. E fanno male.
Prima o poi però, sono certo che, per chi ha profuso gratuitamente e spassionatamente felicitià, sorrisi, calore, passione, pioveranno, da quel cielo tante volte nemico, fiori e capanne, soli e ruscelli, cinguettio di uccellini e pace, serenità.
Basta avere la forza di saperli aspettare.

Se ha detto...

Grazie, Anonimo.
Io aspetto.
Col sorriso.